Lunedì 28 Luglio 2014
RASSEGNA STAMPA
Daily Network
© 2014
RASSEGNA STAMPA

LA VOCE DI ROMAGNA. Nicola Campedelli. La colpa più grande è di chi l'aveva messo in panchina

11.09.2012 11:01 di Giovanni Guiducci  articolo letto 1006 volte
Fonte: Flavio Bertozzi per La Voce di Romagna
© foto di Marco Rossi/Tuttocesena.it

Nicola Campedelli, in questo ambizioso progetto, ci aveva messo tutto il suo impegno. Tutta la sua dedizione. Tutta la sua passione. Tutto il suo amore...bianconero. Un amore vero, sanguigno. Che arriva da lontano, da lontanissimo. Fuoco di paglia Tutti questi importantissimi ingredienti, però, non sono bastati per evitare al 33enne trainer di Gatteo (il più giovane allenatore ai nastri di partenza della serie cadetta) l'esonero dopo appena tre giornate di campionato, la più sonora delle bocciature. E pensare che, le prime due uscite ufficiali della stagione, ovvero le due sfide di Tim Cup giocate contro la Pro Vercelli e il Crotone, avevano portato subito due vittorie. Vittorie ricche di dubbi, ma comunque vittorie. Vittorie che hanno fatto morale e fomentato facili illusioni. Ci ha pensato però il campionato a far aprire gli occhi a tutti: 0-3 al debutto in casa contro il Sassuolo, 3-1 a Vicenza sotto i colpi dell'indiavolato ex Malonga, infine l'ultimo vergognoso 1-4 interno con il Novara maturato giusto domenica sera al 'Manuzzi'. Tre partite. Tre sconfitte. Zero punti in classifica. Due gol fatti. Dieci gol subiti. Un disastro di inaudite proporzioni. Che ha giocoforza costretto l'alta dirigenza bianconera a prendere la decisione di togliere dalle mani (anzi, dal sedere) dell'intontito Nicola l'amata panchina del Cesena.

Errori pesanti. E' un bravo ragazzo, Nick. Un grande lavoratore. Uno che, dal giorno del suo insediamento al timone del Cavalluccio, non ha fatto altro che pensare al 'suo' Cesena. Nel calcio però, tutte queste cose, non valgono un fico secco se poi i risultati non arrivano. Il fallimento del fratello di Igor è stato dunque grave, fragoroso. Questo Cesena non è certo il Real Madrid o il Barcellona, ci mancherebbe altro. E non ha neppure la rosa di Spezia e Verona. Però, il materiale tecnico (e forse anche umano...) a disposizione dell'uomo di Gatteo, non è certo da buttare via, anzi. Gli errori più grandi commessi da Campedelli junior? Quello di aver messo su una squadretta neppure capace di svolgere il compitino: manovra imballata, poche verticalizzazioni, pochissima profondità, difesa costantemente in debito d'ossigeno, poche idee dalla cintola in su. Quello di aver dato ripetutamente fiducia a Tababelli (il ragazzo ha talento ma è ancora troppo leggerino per questa categoria). Quello di aver tenuto fuori inspiegabilmente per due giornate Parfait. Quello di aver insistito anche contro il Novara con l'inguardabile Bamonte (uno che, con tutto il rispetto parlando, sta a questa serie B come Iva Zanicchi sta ai Grammy Awards 2012...).

La grande colpa. Ma forse il problema vero sta a monte (e non a Bamonte... ). Forse, anzi sicuramente, il grosso delle colpe di questo fallimento non è da attribuirsi a Nicola Campedelli: allenatore sì emergente, sì caparbio, sì amante del Cesena, ma ancora acerbo (così come il suo staff ) per il difficile mondo cadetto. No, le colpe sono di chi ha deciso di dargli fiducia, troppo frettolosamente. Calcio e romanticismo, in passato, hanno portato buoni frutti. In Romagna come in tante altre parti dello Stivale. Questa volta, invece, tale ensemble è stato devastante. Tre giornate di campionato e il tandem dei fratelli Campedelli si è già sciolto. Mannaggia.


Altre notizie - Rassegna stampa
Altre notizie
 
Festeggiamenti a Berlino per i Mondiali

“DEDICATO A TUTTI I BAMBINI CHE AMANO IL CESENA”

Sulla sua pagina facebook il presidente bianconero Giorgio Lugaresi ha scritto: “Il Memorial a mio padre Edmeo con la...

DUE PRIMAVERA AGGREGATI ALLA PRIMA SQUADRA

Da ieri sono aggregati alla prima squadra in ritiro ad Acquapartita anche due giovani della Primavera, il difensore Davide...

FOSCHI: "AVREI CONTINUATO A FARE IL CAMERIERE SE..."

La presentazione, ieri a Cesenatico, del libro “Il capanno sul porto” di Italo Cucci dedicato al conte Alberto...

L’UNICO SUPERSTITE È RODRIGUEZ

Tra i bianconeri a disposizione di Bisoli il giocatore di maggiore esperienza è senza dubbio Stefano Lucchini che...
 
Palermo 86
 
Empoli 72
 
Latina 68
 
Cesena 66
 
Modena 64
 
Crotone 63
 
Bari 63*
 
Spezia 62
 
Siena 61*
 
Virtus Lanciano 60
 
Avellino 59
 
Carpi 59
 
Brescia 59
 
Trapani 57
 
Pescara 52
 
Ternana 51
 
Cittadella 47
 
Varese 47
 
Novara 44
 
Padova 41
 
Reggina 26*
 
Juve Stabia 19
Penalizzazioni
 
Bari -4
 
Reggina -3
 
Siena -8

   Tutto Cesena Web Norme sulla privacy