Capelli e la maglia insaguinata

Capelli e la maglia insaguinata

L’arbitro Maresca ha giustamente fatto uscire il difensore dal terreno di gioco.

Commenta per primo!

Daniele Capelli nella partita di venerdì sera è stato al centro di un curioso caso legato alla sua maglia sporca di sangue dopo un colpo preso al naso. Capelli istintivamente si è pulito con la maglia da gioco, ma da circa una decina di anni la Circolare 1 che integra il regolamento ufficiale impedisce ad un calciatore di stare in campo con la maglia sporca di sangue. Il problema è che in panchina non si trovava una maglia di ricambio per Capelli che allora è entrato con una speciale soluzione per coprire la macchia rossa: la casacca era quella di Ragusa girata al contrario.

 

Fonte: Corriere Romagna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy