Altri 3 punti di penalizzazione al Pisa: toscani terzultimi

Altri 3 punti di penalizzazione al Pisa: toscani terzultimi

Non finiscono i guai per la squadra di Gattuso, che scende a quota 30

Commenta per primo!

Non finiscono i guai per il Pisa. Al club toscano, infatti, sono stati comminati altri 3 punti di penalizzazione in classifica, da scontarsi nella stagione sportiva in corso, e un’ammenda di 22 mila euro. Lo ha stabilito il Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare a seguito del deferimento della società per inadempienze CO.VI.SO.C.. Giorgio Lorenzo Petroni, all’epoca dei fatti amministratore unico e legale rappresentante del club, è stato punito con un’inibizione di cinque mesi.  Al Pisa viene contestato “il mancato versamento e la mancata documentazione alla Co.Vi.So.C. delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai tesserati per le mensilità di settembre ed ottobre 2016 così come previsto dall’art. 85, lett. B), par. VII) delle NOIF da effettuarsi entro il termine del 16 dicembre 2016; nonché, il permanere alla data del 16 dicembre 2016, del mancato versamento e della omessa comunicazione alla Co.Vi.So.C. delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai tesserati per le mensilità di luglio ed agosto 2016 così come previsto dall’art. 85, lett. B), par. VII) delle NOIF”. Alla luce di questa penalizzazione, la squadra toscana scende al terzultimo posto a quota 30 punti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy